L’album scelto per voi questa settimana è The Imagine Project di Herbie Hancock. 10 brani, registrati dal pianista insieme ad artisti provenienti da ogni parte del mondo e dai generi musicali più disparati.

Oltre ad Hancock, nel disco avrete la possibilità di ascoltare artisti del calibro di John Legend, Pink, Seal, Susan Tedeschi, Dave Matthews, James Morrison, tanto per citarne alcuni.

3 cose che mi sono rimaste del disco

Mi è rimasta impressa è la visione musicale di Herbie Hancock, capace di calarsi nei più svariati generi musicali, creando sonorità sempre adeguate ad ogni situazione. Ne è dimostrazione Don’t give up, brano proposto insieme a Pink e John Legend. Per l’occasione una ritmica d’eccezione, composta da Vinnie Colaiuta alla batteria e la giovanissima Tal Wilkenfeld al basso elettrico, che insieme ad Hancock creano suoni e dinamiche da ascoltare e riascoltare ancora.

Un altro brano che consiglio assolutamente di ascoltare è Space Captain, incisa insieme alla cantante Susan Tedeschi e al chitarrista Derek Trucks. Bellissimi gli scambi di assolo tra Hancock e Trucks, una gemma di questo album.

Terza cosa che conserverò di questo disco è l’omaggio all’India con The Song Goes On, unico brano originale del disco suonato da Hancock insieme a Anoushka Shankar e Chaka Khan. Nel brano suona anche Wayne Shorter, meravigliosamente.

“La musica ha un linguaggio universale che unisce molteplici culture attraverso la canzone e l’espressione creativa positiva. La mia speranza è che l’album porti armonia nel mondo a tutti i livelli” (Herbie Hancock)

#

Comments are closed